Comune di Acquaviva delle Fonti

No autonomia, si allo sviluppo. Incontro ad Acquaviva

No autonomia, si allo sviluppo. Incontro ad Acquaviva
Alle 19 si incontreranno in piazza Vittorio Emanuele i sindaci di Acquaviva, Davide Carlucci, di Casamassima, Giuseppe Nitti, di Cassano, Davide Del Re, e di Polistena, Michele Tripodi, oltre all'assessore di Laterza Sabrina Sannelli e al consigliere comunale di Corato Eliseo Tambone
scrivi un commento 140
Da Acquaviva delle Fonti lunedì prossimo parte la mobilitazione contro l’autonomia differenziata. Alle 19 si incontreranno in piazza Vittorio Emanuele i sindaci di Acquaviva, Davide Carlucci, di Casamassima, Giuseppe Nitti, di Cassano, Davide Del Re, e di Polistena, Michele Tripodi, oltre all’assessore di Laterza Sabrina Sannelli e al consigliere comunale di Corato Eliseo Tambone. Ci saranno anche il parlamentare e segretario nazionale di Sinistra italiana Nicola Fratoianni, lo scrittore Pino Aprile (presidente del Movimento 24 Agosto per l’equità territoriale) e il segretario regionale dei Verdi Mimmo Lomelo. Sarà presente anche Paolo Rubino, presidente del Tavolo verde per l’ agricoltura di Puglia, Basilicata e Sicilia, e Nunzio Mastrorocco, ricercatore Ipres. Modererà l’incontro Lino Patruno, giornalista e scrittore. Organizza il Comune in collaborazione con il laboratorio Terraviva.
“In questa fase delicata della politica nazionale e di crisi economica e sociale – spiega il sindaco Carlucci – l’autonomia differenziata dovrebbe essere l’ultimo dei problemi. Invece continua ad essere considerata una priorità , sia nel caso di prosecuzione dell’attuale governo, sia nella prospettiva di nuove elezioni. È importante però far capire ai cittadini quali sarebbero i rischi per la coesione nazionale e per i diritti alla sanità, alla scuola, al welfare e ad altri servizi di cui tutti dovrebbero godere senza differenze territoriali”. D’altro canto, nel corso dell’incontro si parlerà anche di una visione alternativa a quella che sottende la proposta di autonomia differenziata: quella di un Mezzogiorno positivo, fatto di imprese innovative, di una società civile attiva e di amministrazioni virtuose che possono dare un grande contributo allo sviluppo del Paese.

sabato 16 Luglio 2022

Notifiche
Notifica di
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti